Rocca D'Orcia

Il fiorire delle tradizioni. Il territorio comunale di Castiglione, posto al centro della valle omonima del fiume Orcia, gode di un ambiente naturale, in larga parte intatto o comunque oggetto di interventi nel settore agricolo e in quello boschivo, attenti e ispirati da una saggezza popolare insita nella gente. Ancora più sentita è la bellezza unica della frazione Rocca d’Orcia, che trovasi sopra le suggestive “gole” del fiume torrentizio e dove lo sguardo spazia sulle “crete” e sui campi della sottostante vallata.
 
 

Rocca d’Orcia, infatti, è un piccolo ma delizioso borgo medioevale, con stradine, scorci e con una singolare piazza occupata in larga parte da una cisterna per l’acqua realizzata oltre 750 anni or sono, posto a valle dell’imponente Rocca di Tentennano, la trecentesca fortezza che fu dei Salimbeni, e che per circa due secoli, fu la piccola “capitale” della Val d’Orcia, ma soprattutto fu anche il centro di controllo strategico sulla via Francigena, la famosa strada medievale che univa Roma con il Nord Italia e la Francia.

 

 

Ed è qui che Pasquale Forte, titolare dell’azienda agricola Podere Forte (e in Orsenigo – Como - della Eldor Corporation), ha realizzato un suo nuovo sogno: ridare vita ad un luogo unico, una località il cui fascino non può che catturarti per sempre. Da qui è nato il “Progetto Rocca d’Orcia”, un disegno la cui filosofia si basa su un pensiero preciso: far rinascere gli spazi che da sempre in questo borgo avevano ospitato le attività legate alla tradizione locale, nel pieno rispetto di un posto capace di trasmettere il fascino della storia. Il sogno, dopo quasi 4 anni di lavori di recupero e di restauri meticolosi, realizzati pure nel pieno rispetto delle ordinanze dell’Unesco, si è avverato aprendo al pubblico il 31 Marzo 2012, quattro locali: l'Osteria PERILLA’, in cui poter assaggiare antichi e nuovi sapori e in cui i segreti della tradizione vengono reinterpretati per dare vita a nuove esperienze sensoriali, create sotto la guida dello chef Marcello Corrado. Ogni giorno vengono proposte specialità confezionate con prodotti provenienti da agricoltura biologica (in primis del Podere Forte) e da selezionati fornitori locali, privilegiando le risorse naturali delle stagioni. Questo in un’ottica di eco-sostenibilità e a salvaguardia ambientale.

Chiesa di San Simeone

San Simeone si trova nel borgo Rocca d’Orcia, in prossimità della Rocca di Tentennano che fu antico baluardo sulla Via Francigena e che oggi fa parte del sistema museale senese, insieme alla Sala d’Arte San Giovanni collocata nel centro cittadino di Castiglione d’Orcia. San Simeone fu  pieve dal XV secolo, ma sappiamo che esisteva già nel XIII, una targa nella controfacciata ricorda che la consacrazione avvenne nel 1633. Oggi l’edificio conserva, sia dal punto di vista architettonico che artistico, una complessa stratigrafia che racconta il suo passato e le numerose trasformazioni avvenute nel corso dei secoli. La chiesa, con navata unica e copertura a capanna, ha una semplice facciata conclusa in alto con un coronamento costituito da due file di mattoni messi per spigolo. Il piccolo campanile a vela è stato aggiunto nella prima metà del XVII secolo e allo stesso periodo risalgono le campane. La scalinata di accesso e il piazzale davanti all’ingresso furono realizzati agli inizi del secolo scorso con le pietre tombali delle antiche famiglie aristocratiche rocchigiane, di cui si leggono poche e frammentarie iscrizioni.
 
 

APPUNTI E SPUNTI PER UNA VISITA ALLA ROCCA

Scarica la brochure informativa a cura della "Societas Tintinnani".

 
Brochure.pdf     Brochure.zip

DINTORNI

Clicca sulle località
Bagno VignoniBagni San FilippoRadicofani, San Quirico d'OrciaVivo d'OrciaCastiglione d'Orcia, Campiglia d'Orcia.